Popular Posts

Follow us on FaceBook

About

Abbonati!

gfhgfhfg

Cool na? :) Now Learn How to create one by Clicking here


 

+

 

Secondi

0 commenti
Questi sono i secondi che scorrono.
Puoi vederli danzare attorno a te e al tuo avversario.
Mentre lo fissi negli occhi, quei secondi che passano durano un’eternità. È una questione di nervi, mi dicevano sempre. Tieni la pistola sulla fondina finché non lo senti, quel momento. Il momento in cui devi sparare. Devi estrarre l’arma, fissando negli occhi il nemico, prima che lo faccia lui.
Alcuni mi dicevano che dopo aver sparato, se sei ancora tutto intero, provi malinconia, e una sensazione di profonda tristezza. Durante quei secondi che passano, quell’eternità di secondi pesanti come rocce, fissando negli occhi il tuo nemico stabilisci un contatto, un legame. Sapete entrambi che quei secondi sono gli ultimi attimi di vita per uno dei due, e che quegli ultimi attimi saranno vissuti così: guardandovi negli occhi, scrutandovi dentro, nel cervello, nell’anima. C’è chi dice che alcuni non sopportano l’idea di aver ucciso il nemico; che i primi giorni dopo il duello si desidera di esser morti al posto dell’altro. Ci si convince che non è giusto, chi ha il diritto di decidere quale dei due deve sopravvivere, e quale morire? Quanti secondi ci separano dal momento di estrarre? Chi estrarrà per primo? Se sparerò per primo, sarò in gamba abbastanza da mirare e colpire? O lo mancherò e lui mi ucciderà dopo? Quanto può far male un proiettile? Passerà attraverso la carne senza urtare niente di vitale? Colpirà un osso? Potrebbe scheggiare una vertebra, paralizzarmi per sempre? Peggio, potrei morire.
Sento che la mano trema, trema, trema, vacilla come vacillano i miei pensieri e a stento sto sulle ginocchia. Mi chiedo per un istante se è così anche per il mio nemico. In fondo cosa conosco di lui? È più esperto di me? Quante persone avrà già ucciso? Cerco di decifrarne l’espressione del volto, e mi sembra che stia sorridendo.

Sta sorridendo.

Sta sorridendo.

Sta sorridendo.

BANG.

Un rumore.
Cade …
è lui a cadere o sono io?
Sono secondi … secondi … secondi …









tutti gli altri su:   www.100shotstocrashdown.tumblr.com

Neonomicon, di Alan Moore e Jacen Burrows

0 commenti

Bao publishing, novella casa editrice fumettistica, pubblicherà a breve il primo volume di Neonomicon, graphic novel nuova di zecca scritta dal mago del fumetto Alan Moore e disegnata da Jacen Burrows.
Si tratta di una sorta di sequel di Courtyard,  in cui vediamo una spiccata tendenza horror di impronta lovecraftiana (e infatti oggi sono davvero tentato di fare un salto in libreria a comprare la raccolta di romanzi e racconti di Lovecraft, che tra l'altro è pure in offerta.)
Sembra che, il buon Alan Moore, voglia cimentarsi in una storia di puro horror simmetricamente opposta all'esperienza di Lost Girl, fumetto erotico creato con sua moglie.
Mi aspetto di leggere un buon prodotto, anche perché le matite di Burrows mi ricordano da vicino lo stile di Steve Dillon, a cui sono troppo affezionato dopo aver letto Preacher.
Ho visto le prime tavole, sembra decisamente che ne valga la pena.

Aggiornamento volante:
Alla fine non ho più resistito, ed eccomi di ritorno con la raccolta completa di romanzi e racconti di Lovecraft e Il Cortile, (the Courtyard) di Moore, trovato magicamente tra gli scaffali della libreria. Aspettava soltanto me.

Chomp

0 commenti

È il caso di segnalare, a tutti i possessori di Iphone, Chomp.
È un motore di ricerca dedicato solo ed esclusivamente alle app per Iphone.
A me sembra utilissimo, ogni applicazione elencata nei risultati è inoltre affiancata da un piccolo screen che rende molto semplice e veloce la scelta e la fruizione del motore di ricerca.
È possibile inoltre scaricarne l'app ufficiale, naturalmente.

Ecco il link:
http://chomp.com/

Le mie fissazioni (amarcord)

0 commenti
Quando ero più piccolo avevo spesso delle fissazioni allucinanti per giochi particolari.
Ci sono molte persone che giocano, ad esempio, a Dungeons & Dragons, o ai vari giochi di ruolo, giochi di guerra con miniature ecc…
In genere però queste persone hanno un folto gruppo di amici disposti a condividere la stessa passione, lo stesso tempo “buttato” dietro queste cose, lo stesso denaro speso per comprare manuali, miniature, stronzate varie.
Insomma in questo post sto solo dicendo che, al contrario di quelle persone, io da piccolo non ero mai appoggiato da nessuno in questo genere di cose.
Comprai il gioco di ruolo di Hokuto no Ken. Cazzo, Ken il guerriero, leggevo il manga e ci stavo sotto. Mi affascinavano i giochi di ruolo cartacei perché mi davano la sensazione di immedesimarmi davvero in un personaggio e poter rivivere le atmosfere di un’ambientazione grazie soprattutto all’interazione con l’avventura, con il master, i vari npc, ecc… Questo, un videogioco, non me lo dava.
Allora, ovviamente, ho iniziato l’opera di convincimento verso i miei amici.
“Non lo so… se mi va dopo”
“Boh, ma che gioco é?”
“Kenshiro è comunista”
“Mia madre non vuole”
“I giapponesi sono bastardi”
“Kenshiro è fascista”
ecc…
Una volta inventai anche un rapido e semplice regolamento per giocare a giochi strategici di guerra con le miniature, però fatte di carta.
Oh, le miniature e tutto l’ambaradam costano!
A volte qualcuno ci giocava con me, poi finì tutto a vino e tarallucci.
Comunque, dopo una serie di innumerevoli giochi ideati, scopiazzati, acquistati, mi arresi alla realtà del fatto che a nessuno dei miei amici piacevano troppo.
Ultimamente, però, ho scoperto un gioco di carte molto figo.
Si chiama Wherewolf, ed è un riadattamento di Mafia in stile horror/dark.
Oltre al gioco in sé, veramente stimolante se ci si gioca in 10+ persone (il limite è di 33, e con una 30ina di persone sembra che l’esperienza di gioco diventi molto divertente), una cosa che mi piace è anche il packaging e il design nel suo totale, bellissime anche le illustrazioni delle carte.
Questa versione, tra l’altro, è stata creata da due italiani.
www.wherewolf.it è il sito ufficiale.

Penale.

0 commenti
Entro da Blockbuster con il bluray di Shutter Island in mano.
Mi appoggio al bancone e guardo la commessa.
“sssseeeenti…”
“…”
“… io ho riportato il film un giorno in ritardo”
“perché mi sono sbagliato. :\”
lei
persa nei miei occhi
“ah.”
“ok”
prende il bluray
e comincia a smanettare
io:
“eh… che comporta?”
“c’è la penale.”
“capito, capito.”
“la radice di penale è pene?”
“cosa?”
“lascia stare…”
“ok… insomma hai sbagliato giorno?”
“eh, sì…  di solito ne affitto 2-3 assieme e non ho pensato che con un film solo ho un solo giorno di tempo”
“eh si… con più film hai più giorni che c’è l’offerta blablabla”
“hai ragione… è che sono stupido :(“
“ok dai.. per sta volta te la levo, Simone vero?”
“si si… hai tutto segnato su quel computerino vero?”
“c’è anche il mio numero di telefono, se ti servisse.”
“lo terrò presente.”
“ok, ok..”
“allora ciao e grazie!”
“ciao”
the end.

Pellegrini del tempo

0 commenti
Mattatoio n.5 è la storia di Billy Pilgrim, pellegrino del tempo.
Billy salta da un momento all’altro della storia, osserva i missili e le bombe sganciate dagli aerei americani su Dresda, e lui, sotto un blocco di cemento enorme chiamato mattatoio, è uno dei pochi sopravvissuti di una della più grandi stragi prodotte dalla seconda guerra mondiale.
Billy, nel giorno del suo matrimonio, viene rapito da una razza aliena lontana più di 500 mila anni luce dalla terra. I Tralfamadoriani lo esibiscono, curiosi, nel loro zoo  a Tralfamadore. Un uomo nudo, che vede e concepisce il mondo in sole tre dimensioni, è un animaletto curioso per loro, che non concepiscono il presente, passato e futuro, ma hanno la visione del tutto nel suo insieme.
Da una pagina all’altra della storia, da un’epoca all’altra, presente passato futuro mescolati assieme in quella che è una testimonianza della guerra da parte di Kurt Vonnegut, condita dallo humor nero che contraddistingue il suo stile.

Un passo indietro.

0 commenti
Mesi fa scelsi di cambiare piattaforma e di "chiudere", tra virgolette, l'invisibile unicorno rosa.
Rispetto a quel giorno le cose non sono cambiate granché, ma ho deciso di tornare sul buon vecchio blogger.
Adesso mi occuperò di aggiornare con due tre "vecchi" articoli il blog, e poi di tornare a scrivere qualche sano dolce (nonché inutile) contenuto.  :) Ciao.

Popular Posts

 

Contact

About the Blog