Popular Posts

Follow us on FaceBook

About

Abbonati!

gfhgfhfg

Cool na? :) Now Learn How to create one by Clicking here


 

+

 

Le mie fissazioni (amarcord)

Quando ero più piccolo avevo spesso delle fissazioni allucinanti per giochi particolari.
Ci sono molte persone che giocano, ad esempio, a Dungeons & Dragons, o ai vari giochi di ruolo, giochi di guerra con miniature ecc…
In genere però queste persone hanno un folto gruppo di amici disposti a condividere la stessa passione, lo stesso tempo “buttato” dietro queste cose, lo stesso denaro speso per comprare manuali, miniature, stronzate varie.
Insomma in questo post sto solo dicendo che, al contrario di quelle persone, io da piccolo non ero mai appoggiato da nessuno in questo genere di cose.
Comprai il gioco di ruolo di Hokuto no Ken. Cazzo, Ken il guerriero, leggevo il manga e ci stavo sotto. Mi affascinavano i giochi di ruolo cartacei perché mi davano la sensazione di immedesimarmi davvero in un personaggio e poter rivivere le atmosfere di un’ambientazione grazie soprattutto all’interazione con l’avventura, con il master, i vari npc, ecc… Questo, un videogioco, non me lo dava.
Allora, ovviamente, ho iniziato l’opera di convincimento verso i miei amici.
“Non lo so… se mi va dopo”
“Boh, ma che gioco é?”
“Kenshiro è comunista”
“Mia madre non vuole”
“I giapponesi sono bastardi”
“Kenshiro è fascista”
ecc…
Una volta inventai anche un rapido e semplice regolamento per giocare a giochi strategici di guerra con le miniature, però fatte di carta.
Oh, le miniature e tutto l’ambaradam costano!
A volte qualcuno ci giocava con me, poi finì tutto a vino e tarallucci.
Comunque, dopo una serie di innumerevoli giochi ideati, scopiazzati, acquistati, mi arresi alla realtà del fatto che a nessuno dei miei amici piacevano troppo.
Ultimamente, però, ho scoperto un gioco di carte molto figo.
Si chiama Wherewolf, ed è un riadattamento di Mafia in stile horror/dark.
Oltre al gioco in sé, veramente stimolante se ci si gioca in 10+ persone (il limite è di 33, e con una 30ina di persone sembra che l’esperienza di gioco diventi molto divertente), una cosa che mi piace è anche il packaging e il design nel suo totale, bellissime anche le illustrazioni delle carte.
Questa versione, tra l’altro, è stata creata da due italiani.
www.wherewolf.it è il sito ufficiale.

0 commenti:

Popular Posts

 

Contact

About the Blog